Archivio mensile:giugno 2014

champagne: la grande consolazione del day after

bottiglie

Cosa c’entra lo champagne oggi? bella domanda.

Non è facile scrivere oggi ma l’impulso è più forte e ci buttiamo in questa impresa, perché è da ieri che ci ronzano in testa alcune parole di Thomas Edison (pronunciate, badate bene, nel 1932): “il genio è per l’1% ispirazione e per il 99% sudore”.

Allora, noi che adoriamo lo champagne, non possiamo che pensare a chi lo fa…questo amato gioiello: uomini tosti, determinati, amanti del loro mestiere e che non mollano mai; le bottiglie che arrivano a noi, dalle più semplici alle più raffinate, sono tutte frutto del sudore di questi Uomini, mai combinazione casuale di eventi fortunati. Tecnica, studio, tradizione e rispetto sono il loro mantra, e i risultati si vedono.

Ma non buttiamoci giù e cogliamo il lato consolatorio di questo vino perché, come diceva Napoleone, “Lo champagne nella vittoria lo si merita, nella sconfitta se ne ha bisogno.”

Quindi, ringraziamo i vigneron che non mollano mai e che ognuno scelga quello che preferisce … PROSIT!