Archivio mensile:marzo 2014

Infografica: cocktail con champagne, 8 ricette

Infografica Ricette Cocktail

Un’interessante infografica disegnata da Student Experts che presenta gli ingredienti necessari per creare piacevoli drink come l’Atomic Champagne Cocktail, con sherry, brandy e vodka, oppure l’Aristocrat Sparkling punch, per cui sono necessarie due bottiglie di champagne. Un’utile guida da cui prendere ispirazione per degustare qualcosa di nuovo.

Continua a leggere

Lo sapevi che… Champagne e pizza

Champagne e Pizza margherita

 

Lo sapevi che lo Champagne rosé si sposa benissimo con la pizza margherita?

Ad affermarlo in un suo articolo è anche Eric Asimov, penna prestigiosa del New York Times, autore di diverse guide enogastronomiche, il quale ricorda inoltre che l’abbinamento tra Champagne e pizza funziona solo se gli ingredienti utilizzati sono di prima qualità, non industriali.

Noi abbiamo provato questo abbinamento con un Frank Bonville Rosé Gran Cru e ci è piaciuto molto. Voi che ne dite?

Ricetta & Champagne: puntine laccate al cioccolato

Puntine laccate al cioccolato con guarnizione di mousse di peperone e mela profumata all’origano

Puntine laccate al cioccolato

Dosi per 4 persone.

Per la carne:

  • 12 puntine di maiale
  • un bicchiere di vino bianco secco
  • 1,5 lt. di bordo di verdura
  • sale grosso
  • pepe nero macinato
  • 1 cucchiaio di cacao amaro in polvere
  • una manciata di uvetta passita

In una padella antiaderente, senza aggiungere né olio né burro, far rosolare a fuoco altissimo le puntine rigirandole su ogni lato: è questo il metodo che ci garantisce di sigillare all’interno della carne gli aromi che ci ritroveremo poi nel piatto nonostante la successiva lunga cottura. Continua a leggere

Lo champagne rosé più vecchio del mondo

L'antico documento su Ruinart RoséRisale al 1764, vale a dire ben 250 anni fa: “Oeil de Pedrix” è il suo nome, prodotto dalla maison Ruinart e inviato in Germania, all’allora Duca di Mecklembourg-Strelitz.
Lo Champagne rosé è un successo recente, almeno nei numeri, eppure sembra essere più antico di quanto si pensasse. La data è il 14 marzo 1764, impressa su un documento che certifica la vendita di questa particolare tipologia di vino prodotto appunto dalla celebre maison Ruinart, che è la più antica, fondata nel lontanissimo 1729.
La spedizione è riportata in un registro ritrovato negli archivi della cantina e riguarda 120 bottiglie, di cui 60 di “Oeil de Pedrix”, che secondo Ruinart proverebbe la prima spedizione di Champagne rosé della storia.
Sicuramente un rosè molto diverso da quello odierno, la cui colorazione sarebbe stata ottenuta con l’aggiunta di bacche di sambuco.

Festeggiamo questa scoperta meravigliosa con una selezione altrettanto meravigliosa dei nostri migliori Champagne rosè. Per scoprirli basta un clic qui.
La nostra selezione di Champagne Rosé

Vi presentiamo Allouchery-Perseval

allouchery

Si tova a Ecueil, un piccolo paese a 10 km da Reims, la famosa città delle incoronazioni ed a 20 km da Epernay, la capitale storica della Champagne.

Immerso nel cuore della Montagne de Reims, i vigneti sono tutti classificati Premier Cru.

IL VIGNETO: si trova sulla Montagne de Reims (calcarea e sabbiosa), piantato su terreni a metà collina.

LE UVE: Il Pinot Nero, caratterizzato da aromi di frutti rossi, potente e strutturato; lo si trova in tutte le sue cuvée. Lo Chardonnay è delicato e di grande freschezza, queste caratteristiche contribuiscono all’ottenimento di champagne pregiati.

Nel mese di settembre avviene il punto culminante della vita dell’enologo: la vendemmia. Le uve vengono raccolte a mano dal loro team di raccoglitori, responsabili della selezione delle migliori uve.

VINIFICAZIONE: il mosto viene messo in vasche di piccole dimensioni in acciaio inox termo-regolata poi, avviene la filtrazione e l’imbottigliamento.